STUPRO ETNICO

La violenza sessuale è stata impiegata come mezzo deliberato al servizio di interessi strategici

20mila donne, in maggioranza musulmane, sono state violentate in Bosnia Erzegovina, e di conseguenza oltre un migliaio sono rimaste incinte.

numerosi stupri sono stati compiuti con la deliberata intenzione di ingravidare le donne e tenerle prigioniere fino al parto "come forma ulteriore di umiliazione"

Ma c'è una novità mostruosa, ed è la violenza fatta sulla donna per farla generare, lei in quanto "riproduttrice" dell'etnia nemica, figli della propria etnia - non solo violare la integrità del suo corpo, ma usare il suo corpo perchè in lei nasca il suo proprio nemico

Se ogni donna resta incinta da una violazione sente che avviene nel suo corpo qualcosa di inaccettabile; in questo caso le viene detto che il suo corpo, cioè lei, è inaccettabile.

Corpo di donna, strumento per regolare i conti tra gli uomini



"Le violenze sessuali sono sempre meno una conseguenza della guerra e sempre più un'arma utilizzata a fini di terrore politico, di sradicamento di un gruppo, di un disegno di genocidio e di una volontà di epurazione etnica."

Dall'introduzione a "Stupri di guerra" di Karima Guenivet, Luca Sosella Editore, Roma 2002

Vir, Viri
(giu.08)
Grbavica
(feb.06)
Congo
(mar.05)
In Congo
(ott.04)
Sudan
(mar.04)
Torture turche
(gen.03)
Gli impunibili
(gen.03)